L’Henné che cos’è e le varie tipologie

In questo articolo scopriremo che cos’è l’henné, quali tipologie esistono e l’impatto che ha con i nostri capelli.

henne le varie tipologie

Iniziamo spiegando che cos’è l’henné.

E’ un arbusto che viene usato prevalentemente per tingere i capelli. E’ considerato un vero e proprio colorante naturale, dunque un prodotto cosmetico naturale, poiché non contiene altre sostanze che potrebbero essere aggressive per i capelli.

L’henné si ricava macinando le foglie e i rami di questo arbusto: il colore è giallo-verde.

L’henné, veniva usata già dall’antichità: infatti in Africa e in India veniva già utilizzata per fare tatuaggi temporanei, tingere i tessuti e ovviamente i capelli.

L’henné, essendo una tinta naturale, ha i suoi vantaggi come rendere il capello più liscio e ordinato ed è inoltre adatta a chi ha i capelli grassi poiché svolge un’azione seboregolatore, in più combatte la forfora e la seborrea.

Perciò state tranquille, l’henné non fa male ai capelli può solamente lasciare i capelli leggermente secchi, conseguenza che andrà via già dopo il primo lavaggio.

La cosa fondamentale da guardare e da sapere, qualora foste intenzionate a tingere i vostri capelli con l’henné, è la composizione che non deve essere scadente né arricchita da sostanze aggressive per i capelli come ad esempio i metalli.

Le varie tipologie dell’henné

In erboristeria potete trovare l’henné naturale o quello puro: quest’ultimo non conterrà nessun’altra sostanza ma sarà Lawsonia al 100%. C’è anche l’henné picramoso che contiene dei pigmenti di colore rosso che, in quantità minima, non causano problemi alla chioma.

L’henné naturale presenta una colorazione arancio ed ha bisogno di almeno 3 ore di posa: più sarà il tempo di posa e più i risultati saranno visibili. Può essere applicato sui capelli già tinti senza alcun problema.

L’henné picramoso, invece, ha un tono di colore più intenso e richiede un tempo di posa minore rispetto a quello naturale. Bastano infatti 2 ore per ottenere un buon risultato. Questo tipo di henné, a differenza di quello naturale, non può essere applicato su capelli tinti di recente perché potrebbe rovinarli.

L’henné picramato è un colorante sintetico che potrebbe nuocere ai capelli ovviamente se usato in maniera esagerata.

Il consiglio è quello di usare sempre l’hennè puro e per constatare se sia effettivamente così occorre leggere attentamente l’INCI ovvero le sostanze e gli ingredienti contenuti in un determinato prodotto.

L’henné solitamente accentua i riflessi di chi ha i capelli rossi e non esistono henné per valorizzare capelli biondi o mori.

Esistono varie miscele per preparare l’hennè che va ovviamente eseguito tenendo presente la lunghezza dei capelli.

La preparazione è abbastanza semplice da eseguire si mette la quantità di henné in una ciotolina e si mescola con una sostanza liquida per farla sciogliere per ottenere la consistenza che solitamente ha una tinta.

Potete usare l’acqua, il té, la camomilla e il karcadè: l’aggiunta di yogurt renderà il composto più omogeneo e cremoso.

Ci sono poi vari modi per preparare l’henné: c’è chi aggiunge il succo di limone per idratare capelli rovinati o chi preferisce l’aceto per ottenere un colore più intenso e chi infine aggiunge un cucchiaino di olio di mandorle dolci per avere una chioma morbida e lucida.

Argilla verde: a cosa serve, quale usare e come sceglierla

L’argilla verde è un materiale inorganico composto da minerali essenziali, ossidi di ferro e varie sostanze vegetali come ad esempio le alghe. Viene usata solitamente per fare degli impacchi per contrastare la cellulite ma ultimamente, viene anche usato per la pulizia del viso nonché come composto per risolvere alcuni disturbi come la nausea o diarrea.

argilla verde a cosa serve

L’argilla verde: un vero toccasana per la salute

L’argilla verde è usata anche come rimedio naturale e, come detto prima, può essere usato come soluzione per alleviare le nausee della mattina, la diarrea o indigestione.

Ma la sua azione benefica non finisce qui: l’argilla verde è ottima anche per guarire tagli, graffi, distorsioni e punture di insetto e la si può trovare sotto forma di pillole o come pomata.

Si trovano in commercio preparati già fatti ma si potrà anche preparare il composto in casa, si dovrà agire così: dovrete versare la quantità che occorre di argilla su una ciotola in legno, aggiungere l’acqua in modo che immerga completamente l’argilla e lasciare riposare il composto per almeno 30 o 40 minuti.

Il gioco è fatto: il composto, che dovrà risultare perfettamente liscio, sarà pronto per essere applicato sulla zona interessata.

Argilla verde: ottima come impacco anti cellulite

L’argilla verde viene usata per lo più per contrastare la cellulite: questo composto renderà la pelle ancora più liscia e luminosa già dopo i primi impacchi.

Questo impacco agisce purificando e tonificando la pelle rendendola appunto più elastica.

 

Argilla verde da bere: un carico di energia e benessere

Esiste dell’acqua all’argilla che contiene molti minerali tra cui potassio, zinco, ferro, rame e cobalto, elementi fondamentali per il benessere dell’organismo.

Bevendo questo liquido si riuscirà ad eliminare tossine molto dannose come i radicali liberi.

Per alcune persone l’assunzione di argilla verde può avvenire subito senza nessun tipo di problemi mentre per altri potrebbe essere necessario eliminare il consumo di alimenti nocivi, alcol e fumo.

In campo estetico la maschera di argilla serve per eliminare le tossine e per purificare la pelle e “radere al suolo” la pelle morta.

E’ usata anche per contrastare i problemi derivanti da chi ha la pelle secca: ovviamente si può decidere di andare dall’estetista oppure farsi la maschera in casa. A questo proposito esistono dei composti già preparati oppure composti n polvere da miscelare con l’aloe vera o olio di jojoba per rendere la maschera ancora più efficace.

 argilla verde benefici

Argilla verde ventilata: a cosa serve?

Per scopi terapeutici viene usata molto l’argilla verde ventilata che è molto fine e che perciò riesce a sciogliersi senza difficoltà nell’acqua sprigionando le molteplici azioni benefiche.

Occorre anche ricordare che ci sono altri tipo di argilla come quella bianca, rossa, gialla, bianca , nera e verde: quest’ultima si può dire che è la più competa e usata.

Ma ritorniamo all’argilla verde ventilata: che cosa “cura”?

Viene usata per rendere i capelli più forti e prevenirne la caduta, per rinnovare l’epidermide, per aiutare un intestino pigro, per alleviare dolori di qualunque specie, eliminare i brufoli e per migliorare problemi relativi a vista, olfatto e udito.

Fondotinta bio i prodotti Yves Rocher e Sante Naturkosmetik

Oggi voglio parlarvi del fondotinta bio che si prende cura della pelle usando sostanze vegetali al 100%.

Le marche prese in considerazione questa volta sono la Yves Rocher, molto conosciuta e che ha all’attivo molti punti vendita e la Sante Naturkosmetik, un’azienda tedesca, anch’essa molto nota da chi ama truccarsi sempre bio.

Conosciamo meglio l’azienda e il relativo prodotto che andremo ad esaminare ovvero il fondotinta bio.

fondotinta ecobio

 

La Sante Naturkosmetik è un’azienda, come detto prima, tedesca che produce da sempre cosmetici per il viso e  prodotti make-up rigorosamente usando sostanze bio e naturali: sono prodotti di qualità elevata e che possiedono i vari certificati che lo rendono affidabile: uno di questi è il certificato BDIH.

Quest’azienda, oltre a prodotti per make-up come kajal, matite per le labbra, fondotinta e cipria, produce anche prodotti specifici per capelli come tinte vegetali, shampoo e balsami curativi.

Il fondotinta della Sante Naturkosmetik è costituito da sostanze che rispettano l’ambiente e la pelle di chi li applica.

Il fondotinta in crema Sante, disponibile in vari colori, sarà la base ideale per il vostro trucco grazie alla formulazione composta da pigmenti minerali ed ingredienti vegetali che lo rendono leggero ed estremamente coprente.

Le sostanze contenute in questo prodotto sono gli oli principalmente come quello di jojoba bio ed estratti bio di semi di melograno.

E’ possibile scegliere tra una tonalità chiara e una che da sul beige e che dona alla pelle il classico effetto abbronzato: può essere usato da solo o miscelato con altri fondotinta Sante.

Il prodotto non è testato sugli animali, ed è privo di parabeni, siliconi, petrolati, coloranti sintetici o fragranze sintetiche, OGM: inutile dire che ha un ottimo INCI.

Passiamo ora ad un’altra nota marca che da sempre propone una vasta gamma di cosmetici naturali, la Yves Rocher.

La passione per le sostanze vegetali e naturali al 100% nasce a La Gacilly, in Bretagna.

Il signor Yves Rocher, che ha dato il nome alla marca, era un vero e proprio appassionato di questo mondo: creava i suoi prodotti di bellezza usando le piante nella sua casa inventando così nuovi prodotti che tutt’ora hanno un successo strabiliante.

E’ proprio nel suo villaggio che l’uomo ha creato la sua azienda.

Il signor Yves Rocher grazie alle nozioni di botanica decise di produrre e distribuire i propri prodotti sulla base di sostanze naturale che potessero offrire a tutte le donne un cosmetico innovativo.

Il fondotinta in crema zero defaut, grazie alla sua formulazione setosa, offre una copertura assicurata lasciando la pelle morbida.

La sua cremosità rende il fondotinta ancora più efficace: il prodotto è fatto tramite la selezione di olio di 1000 rose dal potere rigenerante ottenuto a partire da più di 1000 fiori di Rosa Damascena per kg di olio.

Grazie a questa formulazione avrete praticamente due prodotti in uno: il fondotinta e la crema che idraterà la vostra pelle.

Il risultato sarà cute meno secca e protetta tutta la giornata: inoltre il suo profumo alla rosa renderà l’applicazione ancora più piacevole.

Mascara bio, i prodotti intelligenti per occhi belli e protetti

Fra i prodotti intelligenti dedicati al make up, un posto d’onore spetta al mascara bio che mentre arricchisce lo sguardo di fascino, protegge anche i nostri occhi.

mascara ecobio

 

Ciglia, protezione e bellezza dell’occhio

Le ciglia svolgono l’importante funzione di proteggere l’occhio da sporcizia e pulviscoli. Molto delicate e sensibili, si chiudono per riflesso quando all’occhio si avvicina un corpo estraneo. In pratica, le ciglia fungono da barriera che impedire alle impurità di penetrare nell’occhio: è lo sbattere della ciglia, che avviene più di diecimila volte al giorno, che fornisce la giusta protezione al bulbo oculare.

Ma le ciglia, oltre a proteggere l’occhio, rivestono anche un ruolo fondamentale a livello estetico. Quei peli sottili che crescono sul margine delle palpebre sono, forse, l’indice di femminilità per eccellenza perché sottolineano gli occhi, rendendo seducente e romantico lo sguardo. E’ desiderio di tutte le donne avere uno sguardo ammaliante, ciglia folte e nere. E dove non arriva madre natura, può arrivare il make up a regalare uno sguardo magnetico a qualsiasi donna.

 

Origine del mascara

Fra tutti i prodotti pensati per abbellire l’occhio e le ciglia, di sicuro il più amato è il mascara, noto anche con il nome di rimmel. La prima volta che il mascara fu usato nel 1913 dalla sorella Mabel del chimico, T. L. Williams, l’inventore di un panetto composto da polvere di carbone e vaselina allo stato gelatinoso. Per utilizzarlo, si bagnava uno spazzolino e lo si passava sul panetto di mascara, quindi si applicava sulle ciglia. Il successo fu immediato, tanto che Williams iniziò a vendere questo prototipo di mascara via posta e poi fondò compagnia Maybelline, che oggi è un’azienda leader del settore cosmetico. Per vedere la prima confezione così come la conosciamo oggi, con tubetto e scovolino, bisogna aspettare Helena Rubinstein che la introdusse nel 1957.

 

La cura delle ciglia comincia dal mascara bio

E’ pensiero comune che i mascara bio e naturali siano prodotti cosmetici naturali poco performanti, riservati a chi ha problemi oftalmici o di eccessiva sensibilità agli occhi, perciò poco adatti a regalare sguardi magici. Non c’è nulla di più falso: un mascara bio essendo a base di ingredienti naturali è un’ottima scelta perché, giacché abbina la qualità a un’ottima resa estetica, si prende anche cura dell’occhio. E un occhio più sano, inevitabilmente, appare più bello.

 

Mascara bio, l’offerta del mercato

Il mercato oggi, per fortuna, offre un’ampia scelta di questo cosmetico. Un mascara bio ha il notevole vantaggio di essere realizzato con materie prime prive di ingredienti nocivi. Sono ricchi di oli, burri e pigmenti di origine vegetale. Oltre a non provocare danno alcuno agli occhi e a essere ottimi da utilizzare in caso di episodi di sensibilizzazione o allergie, i mascara bio idratano le ciglia nutrendole a fondo prima di colorarle e regalare loro il volume desiderato.

 

Quale mascara bio?

Fra i tanti ottimi prodotti che esistono in commercio, eccone qualcuno.

 

  • Lengthening Mascaradi Neal’s Yard Remedies

Questo mascara, certificato dalla Soil Association, ha riscosso molto successo. Testato clinicamente per allungare le ciglia fino all’85%, è composto per il 78% di ingredienti a base organica, per il 5% di polveri minerali. Riesce a curvare le ciglia e a colorarle intensamente lasciandole molto morbide perché le nutre, le idrata e le protegge. Fra gli ingredienti ricordiamo: olio di cocco, argan e aloe vera. Particolare anche lo scovolino di questo mascara: è così flessibile che riesce ad arrivare anche alle ciglia più corte.

  • Volumizing Mascaradi RMS Beauty

Si tratta di un mascara naturale realizzato con una miscela di oli, burri e cere biologici certificati con ricchi pigmenti naturali. Questo prodotto dona corpo e volume alle ciglia mentre le nutre.

Rimane morbido per molto tempo e, in più, non cola e non si sfalda. Quello di RMS Beauty è un mascara davvero delicato, con le sue particolari proprietà emollienti riesce a modellare le ciglia intensificandone la pienezza.

  • Mascara intensificantedi L’Erbolario Make Up

Uno dei mascara bio per eccellenza. E’ arricchito con Olio di Ricino e cera d’api, perciò, è in grado di ridefinire lo sguardo rendendolo più profondo grazie alla sua texture cremosa di un bel colore nero brillante. Questo mascara avvolge le ciglia con uno speciale film prodotto da naturali cere plastificanti. Il risultato è che lo spessore delle stesse ne risulta aumentato mentre l’olio di ricino le nutre rendendole più forti. Lo scovolino è realizzato in modo da modellare e colorare ogni singola ciglia perché riesce a pettinarla con cura dalla radice alla punta.

Confronto rossetti bio che idratano e nutrono le labbra

I prodotti naturali sono ormai usati dalla maggior parte delle donne per evitare allergie o arrossamenti cutanei che invece potrebbero portare i cosmetici classici.

confronto rossetti ecobio

 

Solitamente i prodotti cosmetici naturali, come dice la parola stessa, sono fatti e preparati usando sostanze e ingredienti di origine vegetale, minerale, animale e perciò naturale.

Oltre a proteggere la pelle, i cosmetici naturali offrono un grande aiuto all’ambiente.

Oggi parleremo di alcuni prodotti di 2 brand molto conosciuti che valorizzano le nostre labbra che sono i rossetti bio e i gloss.

Il primo marchio che da sempre si prende cura della nostra pelle proteggendola, nutrendola e idratandola è Bottega Verde che offre una miriade di prodotti a prezzi vantaggiosi e di qualità elevata.

Un prodotto davvero buono che usa prodotti del tutto naturali con l’aggiunta dell’olio di argan e di Vitamina E è il rossetto a lunga tenuta Mat.

Ha un colore pieno e per chi ama i colori Mat è davvero l’ideale. Ha una formulazione vellutata e riesce a definire perfettamente il contorno delle labbra facendole apparire da subito curate e morbide.

La texture cremosa crea un comfort immediato e un’ottima tenuta di colore: da non dimenticarsi che nutre e idrata le labbra.

A rendere il prodotto ancora più invitante è l’aggiunta di olio argan e di Vitamina E che si prendono cura delle labbra.

I colori disponibili sono i seguenti:

  • Rosso bacio;
  • Rosso geranio;
  • Terracotta;
  • Nude;
  • Cannella;
  • Borgogna;
  • Rosa vintage;
  • Succo di lampone;
  • Rosa shocking;
  • Uva;
  • Rosso Glam;
  • Rosa bocciolo.

Un altro tipo di rossetto che mescola la brillantezza del gloss e la cremosità del rossetto è il Rossetto stylo extraglossy con l’aggiunta di burro di Karité.

Si tratta di un prodotto che quando si va ad applicare risulta scorrevole e cremoso e che, sommato alla brillantezza, diventa un vero e proprio gloss dai tratti però decisi.

Il risultato è un colore pieno, limpido e luminoso.

Il burro di karité farà apparire le vostre labbra morbide e il formato stylo rende più semplice l’applicazione.

I colori disponibili sono :

  • Rosa shocking;
  • Ciclamino;
  • Prugna;
  • Rosa bacio;
  • Ibisco;
  • Cameo;
  • Rosa Velvet;

Un altro brand che produce prodotti di cosmesi naturale è la Bionike.

Il rossetto Defence Color è un cosmetico dal colore intenso che idrata e nutre allo stesso tempo le labbra.

Il colore è intenso e luminoso e in più dura a lungo. Dona comfort e protezione grazie al mix di principi attivi “Glow Factor”.

Il rossetto bio contiene le seguenti sostanze:

  • Lipo-estratto di cacao che leviga le labbra;
  • L’olio di moringa oleifera che ha un’azione emolliente, rinforza e protegge la pelle dallo smog e inquinamento;
  • Vitamina E che protegge dai danni provocati dai radicali liberi.
  • Burro di mango selvatico per un effetto ancora più protettivo.

E’ senza conservanti, senza glutine e senza profumo.

Colori disponibili:

  • Magnolia;
  • Amande;
  • Noisette;
  • Cuivre;
  • Cannelle;
  • Paprika;
  • Fucsia;
  • Rouge;
  • Cerise;
  • Mirtillo;
  • Corallo;

Se invece si preferisce ottenere un risultato più luminoso c’è il Defence Color Crystal Lipgloss, un lucidalabbra che mette in risalto la forma con un effetto gloss.

Contiene gli stessi principi del rossetto della medesima linea ovvero il lipo estratto di cacao, l’olio di moringa oleifera e la Vitamina E.

Privo di conservanti, glutine e profumo con Nickel, cromo, cobalto tested.

Colori disponibili:

  • Opale;
  • Bonbon;
  • Corail;
  • Fraise;
  • Mure;
  • Brune

Il rossetto ecobio, un toccasana naturale

Le nostre labbra sono così delicate da meritare tutta la nostra  cura, iniziando dal rossetto che deve essere naturale e, quindi, ecobio.

Che make up sarebbe senza rossetto? Il rossetto, anche da solo, illumina il viso. La mattina si va di corsa e non si ha il tempo di truccarsi con cura. Ma come uscire di casa con quel viso sciatto di chi si è appena svegliata? Niente paura, un po’ di crema idratante, una spolverata di fard e un bel rossetto bastano per ridare un aspetto curato. Ma ci si può fidare dei rossetti tradizionali che si trovano in commercio?

 

il rossetto ecobio

I rossetti tradizionali

I rossetti tradizionali non sempre sono realizzati con materie prime compatibili con la salute della nostra pelle. Le labbra, ossia i due margini esterni della bocca, sono formati da porzioni di cute, rivestimenti cutaneo-mucosi e zone di mucosa vera e propria. Le porzioni di cute e i rivestimenti cutaneo-mucosi – il nome specifico di questi ultimi è “zone del vermiglio” – formano la parte anteriore di entrambe le labbra; la mucosa, invece, costituisce la parte interna.

Le labbra presentano un complesso sistema di muscoli e sono finemente innervate e vascolarizzate e, proprio per questo, vanno soggette più facilmente a infezioni. I rossetti tradizionali, sovente, contengono ingredienti di origine sintetica (petrolati e siliconi) che sono di qualità molto scadente. Non è raro, infatti, che l’uso frequente di questi prodotti, provochi antiestetiche screpolature e fastidiose pellicine.

Che fare allora? Rinunciare al tocco magico del rossetto? Giammai! Il rossetto è indispensabile per il make up e per sentirsi in ordine.  Perciò l’unica cosa da fare è scegliere con cura il proprio rossetto. Per avere labbra sane, impeccabili e, perché no, accattivanti e sensuali, non servono ritocchi, botulino, o plastiche: serve un prodotto realizzato con materie prime di qualità e naturali.

 

Il rossetto naturale è ecobio

Rossetti a base di cere 100% vegetali di girasole, jojoba e mimosa e ricche di frazioni insaponificabili, lasciano le labbra idratate, morbide e protette. Le frazione insaponificabili, ricche di vitamine A, D, E e K, sono una miniera d’oro di oli che hanno notevole proprietà benefiche per la pelle. La frazione insaponificabile, ne sono ricchi sia il burro di cacao sia quello di Karitè, è quella parte di grasso (olio o burro) che non diventa sapone se fatta reagire con determinate sostanze (le basi). E’ grazie a questa frazione che i rossetti eco bio svolgono anche un’azione protettiva contro i raggi UV;  stimolano la produzione di collagene ed elastina, sostanze che impediscono alle labbra di diventare secche; proteggono dalle dermatiti ed impediscono al freddo e al sole di  screpolare le labbra.

Oltre alle proprietà benefiche, tra i prodotti cosmetici naturali, i rossetti eco bio anche esteticamente funzionano meglio di quelli realizzati con prodotti sintetici. Intanto il contorno labbra appare più definito e senza quei brutti punti neri che formano dopo un po’ di tempo alcuni rossetti tradizionali, e poi, scegliendo i colori giusti, vanno bene per le donne di tutte l’età.

 

Rossetto naturale, attenti all’INCI

L’INCI, International Nomenclature of Cosmetic Ingredients,  è la denominazione internazionale che si usa per indicare nella etichetta gli ingredienti che si trovano all’interno di un determinato cosmetico.

Una buona INCI certifica la qualità del prodotto.  Ovvio che quando troviamo scritto Paraffinum Liquidum, Paraffin, Mineral Oil, Petrolatum o Vaseline, siamo di fronte a un prodotto che contiene ingredienti derivati dal petrolio. Così come se leggiamo sulla etichetta “Dimethicone” oppure “Cyclopentasiloxane” , in quel prodotto ci sono siliconi che, in genere, si riconoscono  facilmente perché i loro nomi terminano sempre con i suffissi -one o -xane.

rossetto bio quale scegliere

 

Rossetti eco bio, quali scegliere

Un buon rossetto è quello che ha un INCI perfetto, ossia quello che parla solo di ingredienti vegetali. Ci sono molti marchi che producono rossetti dall’INCI pressoché perfetto. Eccone alcune.

 

  • Avril

I rossetti di Avril sono caratterizzati da una texture morbida, hanno un’ottima “scrivenza”, una pigmentazione intesa e un finish opaco. Durano molto: fino a 5/6 ore senza ritocco. La scelta dei colori è molto ampia e, in più, hanno un costo molto basso.

  • Benecos

Anche per i rossetti Benecos il rapporto qualità/prezzo è eccezionale. Sono idratanti, hanno una buona “coprenza” se si intensificano, ma con una sola passata hanno un finish lucido discreto e molto accattivante

  • Liquidflora

Quelli della Liquidflora sono rossetti anti-age, perciò sono molto cremosi e idratanti. La gamma di colori che offre questo brand è vasta e spettacolare. Di questa azienda si consigliano anche le matite per labbra che, se usate abbinate al rossetto, danno un effetto “wow”.

  • Couleur Caramel

Che dire dei rossetti Couleur Caramel: costosi ma davvero favolosi. Colori strepitosi, morbidi, idratanti, coprenza elevata.  E una durata lunghissima.

Cosmesi naturale: che cos’è e i benefici

La cosmesi naturale, oggi come oggi, è usata da molte donne.

Il motivo è semplice: usa per la realizzazione dei prodotti in questione sostanze naturali che non provocano allergie e irritazioni: solitamente vengono usate sostanze a base vegetale, naturale, minerale e animale.

 

cosmesi naturale

Negli ultimi dieci anni si è assistito ad una crescita considerevole dell’uso dei cosmetici naturali,  causa di molti fattori che hanno scaturito una grande prevalenza di questi prodotti: una delle cause è l’aumento delle allergie con conseguente sensibilizzazione cutanea.

Ovviamente ciò ha anche un riscontro positivo per l’ambiente visto l’uso di sostanze facilmente deperibili.

A volte può accadere che il cosmetico non è naturale al 100% e questo perché non vengono usate tutte sostanze naturali. E come fare per sapere con certezza che il prodotto che stiamo acquistando è totalmente naturale?

E’ semplice basta leggere l’INCI (International Nomenclature of Cosmetici Ingredients) ovvero la lista degli ingredienti contenuti nel prodotto che deve essere esposto obbligatoriamente.

Esso è utile per constatare il reale inserimento di sostanze di origine vegetali nel cosmetico in questione.

Per facilitarvi il compito qui troverete una lista di sostanze che non devono essere presenti nei cosmetici naturali:

 

  • Sodium laureth sulfate, sodium lauryl sulfate, Ammonium lauryl sulfate e altri derivati provenienti dalla raffinazione del petrolio: essi dovranno essere sostituiti da tensioattivi di origine naturale o vegetale diversi in base al prodotto che si acquista.
  • Dovranno essere assenti anche sostanze derivati dal petrolio come ancora la Paraffina (Paraffinum Liquidum), PEG e PP e Petrolatum spesso presenti nei prodotti destinati ai bambini;
  • EDTA, MEA, TEA e MIPA;
  • Triclosan e Imidazolidinyl urea, DMDM Hydantoin, Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone, usati solitamente come conservanti;
  • siliconi come Poliquaternium-80, Dimethicone e Amodimethicone;

 

Quali sono invece le sostanze che devono essere contenute nei cosmetici naturali?

Per creme applicate su viso e corpo dovranno essere presenti una grande quantità di oli e di burri scritti in latino, estratti naturali con l’aggiunta di oli essenziali. Solitamente la profumazione è leggermente meno accentuata in base ad un cosmetico normale, poiché per emanare un profumo forte, vengono usate sostanze sintetiche. Non dovranno essere presenti la Paraffina e ingredienti come i siliconi.

Ovviamente non sarà semplice memorizzare tutti gli ingredienti a base naturale ma vedrete che, di solito gli ingredienti usati saranno sempre gli stessi: qualora vi trovaste in difficoltà potete sempre consultare il Biodizionario dove troverete ben 4000 ingredienti cosmetici.

 

cosmesi naturale benefici

I pro e i contro dei cosmetici naturali

I pro si basano sulle sostanze usate che non portano allergie e nessun tipo di prurito o arrossamento della pelle. Inoltre, usando ingredienti dl tutto naturali, riescono a rendere la pelle da subito morbida e curata.

 

Svantaggi dei cosmetici bio

Uno degli svantaggi più comuni sono il costo del prodotto finito: questo perché il procedimento di lavorazione è più lungo incidendo inevitabilmente sul prezzo finale.

Un’altra cosa da tenere in considerazione è che, dato l’uso di sostanze naturali, il prodotto non ha un grado di conservazione molto alto, perciò vanno consumati in tempi più brevi rispetto ad un cosmetico classico.