Make up nero per uno sguardo magnetico

Molte donne amano truccarsi per cercare di valorizzare la propria bellezza ed i tratti del proprio viso, nascondendo stanchezza, difetti ed età. 

Ogni stagione vanno di moda colori diversi per il trucco, ma c’è un colore che non passa davvero mai di moda, ed è il nero. Molte donne e ragazze sono titubanti rispetto all’idea di usare il nero per truccarsi, perché hanno paura di fare pasticci e di rovinarsi il look, sembrando più tetre o dimostrando più anni. In realtà il nero, oltre ad essere elegante, se calibrato con attenzione può regalare uno sguardo magnetico assolutamente unico. 

make-up-nero-sguardo-magnetico

Il make up nero può donare uno sguardo magnetico davvero irresistibile a donne di tutte le età. Non occorre essere truccatrici esperte, basta qualche prova per vedere quanto il make up nero possa valorizzare il nostro viso… con le giuste accortezze. 

Il make up nero dona eleganza, stile, ed è sempre sensuale. Vediamo come usarlo al meglio per regalarci uno sguardo davvero accattivante. 

La matita nera è uno dei trucchi più usati in assoluto ad ogni età, e a ragione: è estremamente versatile. Provate a sfumare leggermente la matita su tutta la palpebra; senza ottenere un trucco smokey, basterà un’ombra molto leggera che aiuta a rendere lo sguardo più profondo. Soprattutto se avete degli occhi piccoli o infossati, questo trucco aiuta a renderli più grandi e a dare un tocco di magnetismo al vostro sguardo. 

Tracciate una linea leggera sopra gli occhi, come se fosse quella dell’eyeliner, e quindi con un pennellino a lingua di gatto sfumate con leggeri movimenti circolari, salendo sulla palpebra, cercando di non creare un blocco compatto ma al contrario sfumando il più possibile. 

Così lo sguardo non ne risulterà appesantito ma valorizzato. 

L’ombretto nero può aiutare a creare un look smokey davvero intrigante ed affascinante. Questo trucco rende più magnetici gli occhi. Valutate sempre se l’ombretto è polveroso (uno troppo polveroso potrebbe diffondersi su tutto il volto creando un effetto molto spiacevole). Le prime volte provatelo in casa. 

Usate sempre le ciprie apposite per evitare che possa colare l’ombretto. Usate anche un colore più caldo attorno alla piega dell’occhio per non rendere il contrasto troppo pesante. Non usate mai l’ombretto nero sopra degli ombretti chiari e opachi o si creerà una macchia fangosa. 

Non dimentichiamo che il nero è un grande classico anche grazie all’eye-liner. L’eye-liner vi consentirà di creare delle vere e proprie sculture attorno agli occhi, ma fate sempre molto attenzione a scegliere una linea che possa valorizzare la forma del vostro occhio: non sono tutte uguali e non tutte hanno lo stesso effetto. Scegliete un tutorial specifico da seguire a seconda che abbiate occhi piccoli o grandi, allungati oppure affossati. In questo modo potrete valorizzare al meglio la loro bellezza senza appiattirne il fascino. In alcuni casi l’eye-liner sta bene sia sopra che sotto l’occhio, in altri no; ad alcune sta bene la linea lunga, ad altre il tratto deciso non oltre la palpebra. 

In ogni caso, la parola d’ordine è: nero ed eleganza.

I cosmetici naturali a basso costo

Si sente tanto parlare dei cosmetici naturali, negli ultimi tempi: si tratta dell’ultima frontiera della cosmetica, quella che rispetta l’ambiente, il clima, gli animali ed anche la pelle di chi li usa.

cosmetici naturali a basso costo

Soprattutto le donne di età compresa fra i 18 ed i 35 anni, le c.d. ‘millennials’, sono quelle più attente all’uso di cosmetici naturali e prodotti solo con ingredienti che rispettano la pelle e che sono il più possibile presi direttamente dalla natura.

Lo scopo dei cosmetici green è soprattutto quello di usare il meno possibile i prodotti che derivano da petrolio e quelli chimici in generale e cercare di concentrarsi, abbandonando i siliconi, su concentrazioni e formule naturali, da frutta e piante.

Per sapere quando un prodotto è green, bisogna sapere leggere l’INCI; si tratta del report di tutti gli ingredienti che si trova dietro la confezione. Attenzione, perché tanti prodotti low cost con la scritta ‘con estratti naturali’ possono contenere pochissimi ingredienti naturali e poi soprattutto paraffina e silicone e paraventi.

In Europa l’INCI segue l’ordine di concentrazione dell’ingrediente partendo da quello più presente.

I cosmetici naturali sono nella maggior parte dei casi abbastanza costosi, perché se sono davvero naturali richiedono per la produzione alcuni ingredienti abbastanza costosi e ricercati. Ma non è detto che un buon prodotto naturale sia per forza a prezzo elevato, ci sono tanti esempi di cosmetica naturale e bio low cost perfetti soprattutto per le più giovani.

NEOBIO, per esempio, è una di quelle aziende che si occupa di produrre dei cosmetici naturali, sicuri sulla pelle e sempre di tendenza, a prezzi accessibili per tutte le donne.

NEOBIO mantiene gli standard di qualità elevati, ma abbatte i costi al minimo grazie alla grande distribuzione; è di moda soprattutto fra le giovanissime.

Anche Avril Beautè si occupa di produrre dei cosmetici sempre a costi contenuti, in modo da rendere accessibile a tutti questi prodotti, ma mantenendo la qualità elevata in modo da non opprimere la pelle.

Jason Organic propone tanti prodotti e non solo cosmetici, ma anche per la cura della pelle e dei capelli, che possono tornare utili per ogni occasione. Si tratta di prodotti non commerciali e di ottima qualità ma con un prezzo tutto sommato ragionevole, dato che è un marchio ricercato.

I prodotti bio economici per truccarsi ci sono e man mano che il pubblico si sensibilizza su questo argomento sempre più marche famose stanno aprendo degli stand dedicato al bio low cost. La speranza è che un giorno tutta la cosmetica, nel rispetto dell’ambiente e della salute delle consumatrici, scelga di produrre trucchi sempre naturali e di alta qualità ma low cost, accessibili a tutti.

I cosmetici low cost sono quindi sicuri per la pelle, e molto più rispettosi della natura in quanto la loro produzione non richiede troppo inquinamento.

L’utilizzo di prodotti naturali ed economici è sempre auspicabile in quanto a lungo andare, col trucco, la pelle può assorbire dei prodotti che non le fanno bene e possono farla tendere all’invecchiamento precocemente. Molto meglio quindi investire qualcosa di più nell’acquisto di prodotti sani e sicuri sia per la pelle che per l’ambiente.

Perché scegliere cosmetici naturali

Negli ultimi anni il tema dei cosmetici naturali è diventato sempre più diffuso e comune. Sempre più persone sentono l’esigenza di sapere che cosa mettono sulla loro pelle e pretendono dei prodotti naturali, non irritanti, che non diano problemi di intolleranza a contatto con la pelle nel lungo termine.

scegliere i cosmetici naturali

Ma perché scegliere cosmetici naturali? Esistono tanti motivi che possono stare dietro ad una scelta simile. Ricordiamo che la nostra pelle assorbe all’incirca, secondo recenti studi, il 60% delle sostanze e degli agenti coi quali viene a contatto, ivi compresi anche le creme ed i cosmetici. Questo significa che la pelle di una donna che utilizza i cosmetici ogni giorno può arrivare ad assorbire anche 2 kg di sostanze estranee in un anno. Sono molte, non è vero? Ecco l’importanza quindi di far sì che la pelle venga a contatto con prodotti naturali e non dannosi, pensati per un contatto quotidiano con l’epidermide senza il rischio di scatenare allergie e intolleranze. 

I cosmetici naturali sono gentili e delicati con la pelle, aiutano questa importantissima parte del nostro corpo che ci protegge da inquinamento e veleni. 

Le sostanze che sono contenute nei cosmetici naturali sono ricavate direttamente dalla natura, e non solo sono delicate e sane al contatto con la pelle umana, ma riducono anche l’impatto ambientale di questi prodotti. 

La scelta delle materie prime dei cosmetici naturali provengono nella maggior parte dei casi da agricoltura biologica, sono sviluppate nel rispetto degli animali e della natura, e della pelle. 

Rispettano l’equilibrio del corpo, del Ph della pelle, e non irritano neppure se utilizzati quotidianamente, contribuendo a salvaguardare l’epidermide. Spesso e volentieri i cosmetici naturali sono anche arricchiti con sostanze e vitamine per rendere la pelle più bella ed elastica. La tendenza all’uso dei cosmetici naturali quindi non è solamente una moda passeggera, ma è invece parte di una tendenza generale di sensibilizzazione per la salute della pelle e dell’ambiente. 

Quindi, perché scegliere i cosmetici naturali? Perché non contengono parabeni, delle sostanze che utilizzate in combinazione fra loro mantengono integro il cosmetico ma sono sospettati di favorire il tumore e vengono assorbiti velocemente dalla pelle. 

Non contengono petrolati e silicone, sostanze tossiche che alla lunga portano all’invecchiamento della pelle e le fanno perdere elasticità. Sono prodotti nel rispetto della natura e del benessere degli animali e degli uomini, e per questo motivo sono consigliati sia per le donne adulte che per le più giovani. 

I prodotti cosmetici naturali sono poco trattati, provengono dalla natura e sono incontaminati. Spesso contengono anche vitamine ed elementi naturali che contribuiscono a rendere più sana e più bella la pelle. Della differenza ce se ne accorge dopo il passare del tempo: i cosmetici naturali vanno scelti perché oltre che aiutare a rendere più belle, si prendono cura della pelle evitando che possa invecchiare prematuramente e che possa assorbire delle sostanze nocive per la sua salute ed il suo benessere. Scegliere i cosmetici naturali è quindi un atto d’amore per la propria salute e per quella dell’ambiente.

Come riconoscere i cosmetici naturali

Si parla tanto dell’importanza di utilizzare cosmetici naturali, e di come essi siano d’aiuto per curare non solo la bellezza ma anche la salute della pelle e dell’ambiente. Nella confusione dei marchi e delle certificazioni, però, risulta molto spesso difficile poter riconoscere quando un cosmetico sia naturale e quando invece no.

come scegliere prodotti cosmetici naturali

Innanzitutto per riconoscere i cosmetici naturali vi invitiamo a non fidarvi della semplice pubblicità o di nomi ed ingredienti che possono trarre in inganno.

Il primo modo per riconoscere il cosmetico naturale è quello di imparare a leggere bene l’INCI. L’INCI (acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è la lista degli ingredienti contenuti all’interno di un cosmetico o di un altro prodotto per l’igiene e bellezza del corpo. Bisogna sapere che gli ingredienti vengono elencati in ordine di presenza; il primo dell’elenco è quello più presente nel prodotto, e così via fino ad arrivare all’ultimo.

I prodotti cosmetici naturali non dovrebbero contenere parabeni, PEG, petrolati, siliconi, paraffina. In generale la regola è che meno ingredienti si trovano nell’INCI meglio è. Spesso e volentieri i prodotti naturali o di origine biologica sono indicati con un asterisco. Se non conoscete il significato di un ingrediente, fate una veloce ricerca su internet.

I componenti più pericolosi, che non bisognerebbe mai leggere nell’INCI, sono la vaselina, la paraffina ed il mineral oil, i petrolati (come PEG e PPG) che sono derivati dal petrolio e sono usati come umettanti, cioè rendono morbido il cosmetico a contatto con la pelle; ma ne aumentano la permeabilità, e possono causare assorbimento di sostanze nocive ed irritazioni. SLS, SLES, TEA e MEA sono tensioattivi, ingredienti di origine sintetica che possono aggredire lo strato idrolipico della pelle e dei capelli. Anche la formaldeide è un gas tossico e che viene usato in diversi prodotti, ma è una sostanza considerata cancerogena per l’uomo. I suoi derivati prendono i nomi di Imidazolidinyl Urea, Diazolidinyl Urea, hydantoin, Formaldheyde, Methylchloroisothiazolinone, Methylisothiazolinone, Sodium Hydroxymethylglycinate e Chlorexidine.

Bisogna stare attenti anche alle certificazioni, che però possono essere diverse.

La prima certificazione per i prodotti naturali è la Cosmos Natural. Secondo questa indicazione, il prodotto che ha questo marchio non deve contenere più del 2% di materie prime di sintesi. Diverso invece è il prodotto Cosmos Organic, che richiede che siano biologici almeno il 95% degli ingredienti ed il 20% del totale del prodotto finito, acqua inclusa.

Ma quello di Cosmos non è l’unica certificazione esistente, c’è anche quella di NaTrue. Questo tipo di certificazione che serve per riconoscere i cosmetici naturali si basa su una valutazione a stelline, che vanno da una stella ad un massimo di tre.

I prodotti NaTrue con una sella sono i cosmetici naturali, che quindi hanno determinati ingredienti e la cui lavorazione rispetta le regole ammesse; inoltre, questi cosmetici devono avere un minimo di sostanze naturali.

I prodotti NaTru con due stelle sono cosmetici naturali, ma con componenti biologici; il 70% delle sostanze naturali deve provenire da agricoltura illogica.

Infine i prodotti NaTru a tre stelle sono prodotti biologici (95% degli ingredienti).

Perché usare cosmetici naturali

perche usare cosmetici naturali

Per cosmetici naturali si intendono i cosmetici che vengono prodotti senza utilizzare conservanti o ingredienti che a contatto con la pelle, nel corso del tempo, possono causare delle reazioni allergiche. A lungo andare, i prodotti cosmetici che conosciamo possono trasformarsi in una minaccia per la salute della pelle e per la bellezza.

Spesso si sente parlare dei vantaggi di chi utilizza i cosmetici naturali, siano essi biologici organici o ecologici. La sensibilità pubblica nei confronti di questi temi, soprattutto quello del rispetto della natura e dell’attenzione verso i cosmetici naturali, è aumentata di molto negli ultimi anni. Ci si affaccia ad una nuova consapevolezza, che vede nel ritorno ai prodotti fatti secondo natura una vera e propria filosofia di vita. Molti credono che i cosmetici naturali ed ecologici siano molto più costosi e quindi siano non convenienti. Non è così, in quanto sempre più case cosmetiche stanno producendo prodotti di bellezza (cosmetici ma anche bagnoschiuma, profumi) naturali, per un pubblico di clienti sempre più vasto, compreso anche ragazze giovani. Così, cerchiamo di capire quali sono i vantaggi di questo tipo di prodotti, perché usare cosmetici naturali e come questa scelta possa impattare notevolmente sulla qualità della vita e della salute della nostra pelle, specialmente nel lungo periodo.

 

Gli svantaggi dei cosmetici non naturali

La maggior parte dei cosmetici in circolazione non è prodotta secondo metodi naturali. Essi costano poco ma utilizzano, per poter conservare colori accesi a lungo, conservanti, oli minerali che sono derivati dal petrolio, profumi sintetici, coloranti artificiali, urea, e altri prodotti come piombo, mercurio, Dea e via dicendo. La lista completa degli ingredienti in ordine di quantità è presente nell’INCI, che non abbastanza persone prendono in considerazione.

La presenza di questi materiali può portare, specialmente nelle persone sensibili, a situazioni di ipersensibilità, ad eczema, alla comparsa di allergie. In media, si stima che la pelle umana assorbe circa il 60% delle sostanze che sono presenti nei prodotti cosmetici. Questo significa che anche le sostanze nocive passano attraverso la pelle, e possono penetrare negli organi e nel tessuto adiposo. Questi prodotti non vengono smaltiti dal corpo e quindi si accumulano. Fortunatamente, negli ultimi anni si è acceso un dibattito sull’opportunità di iniziare ad usare prodotti cosmetici ipoallergenici, naturali e senza ingredienti nocivi ed irritanti per la pelle. Le sostanze chimiche che si trovano in tanti cosmetici possono essere molto dannose alla lunga.

Per sapere se un cosmetico sia o meno naturale, bisogna guardare sì alle certificazioni (in Italia i marchi sono AIAb e ICEA), ma dato che in materia c’è un po’ di confusione è meglio sempre imparare a leggere l’INCI ed a riconoscere quelle sostanze che possono essere pericolose per la pelle.

usare prodotti cosmetici naturali

Perché usare dei cosmetici naturali?

I cosmetici naturali sono prodotti con sostanze derivanti dalla natura, quindi poco trattate, a differenza delle sostanze chimiche che vengono usate per altri prodotti di bellezza. Questo tipo di cosmetici non fa uso di sostanze chimiche, oppure usa derivati di piante trattate senza fertilizzanti e senza agenti chimici. Esempio di ingredienti dei cosmetici naturali sono corteccia di piante, estratto di fiori e di piante, vitamine, gomma xantano, semi e via dicendo.

Anche i conservanti utilizzati, necessari per mantenere il prodotto nel tempo, sono comunque del tutto naturali e quindi senza controindicazioni.

I prodotti cosmetici naturali sono sicuri: possono essere usati quotidianamente, dando la certezza che non rilasceranno sostanze chimiche nel corso degli anni, che andranno ad accumularsi nel corpo con tutte le controindicazioni del caso.

Non solo, secondo alcune stime questi prodotti di bellezza naturali addirittura contengono fino al 50% in più di vitamine rispetto a quelli industriali.

I prodotti cosmetici naturali non contengono parabeni, che sono sostanze spesso usate fra loro in combinazione che mantengono il prodotto compatto e utilizzabile nel tempo. I parabeni però funzionano, anche se in minore intensità, come gli estrogeni e possono quindi alla lunga essere ricorrelati (secondo alcuni studiosi) al tumore al seno. Non esiste la certezza di questa correlazione, ma nel dubbio, è meglio evitare di usare prodotti che contengono parabeni. Le concentrazioni di queste sostanze sono state trovate nel sangue di chi aveva appena fatto uso di prodotti che li contenevano.

Le allergie possono essere scatenate dal contatto prolungato con sostanze irritanti. La dermatite allergica, in particolare, può spiegarsi anche con l’abuso di cosmetici chimici e sintetici. Usando prodotti naturali ed eliminando le sostanze sintetiche si elimina anche questo fastidioso problema.

I cosmetici biologici, addirittura, sono naturali al 95% e questo significa che praticamente tutto quello che si mette sulla pelle è rispettoso del Ph corporeo e fa bene all’epidermide. Insomma, una vera toccasana per curare la bellezza in salute e con sicurezza.

 

Più attenzione per l’ambiente

I cosmetici naturali non solo fanno bene alla nostra pelle, apportano vitamine senza ostruire i pori e curano la bellezza in modo naturale e senza controindicazioni, ma sono anche indicati perché rispettano l’ambiente.

Non avete mai pensato a quanto la produzione di prodotti di bellezza possa contribuire all’inquinamento dell’ambiente? Infatti la continua creazione di scarti e di sostanze chimiche va a finire anche nell’ambiente, con tutte le conseguenze che facciamo. Se poi i prodotti vengono realizzati in Paesi del terzo mondo, dove l’attenzione alla salute dei lavoratori e dell’ambiente non è certo pari agli standard occidentali, si comprende bene perché usando cosmetici naturali si contribuisce anche nel proprio piccolo a salvaguardare l’ambiente.

In questo modo si aiuta anche le aziende a creare un circolo virtuoso: usando materie naturali ed impattando poco sull’ambiente, cercando di evitare sprechi e di creare scarti inquinanti che vanno ad impattare sulla salute della natura.

Abbiamo cercato di darvi una panoramica delle tante ragioni per cui i cosmetici naturali dovrebbero essere preferiti rispetto a quelli che non rispettano la pelle. Non si tratta solamente di una scelta etica e dettata dalla volontà di trattare bene la natura, ma anche dalla consapevolezza che la propria pelle assorbe ogni sostanza che vi mettiamo, e che alla lunga l’uso di sostanze chimiche potrà ridurre l’epidermide in uno stato di pessima salute. Non dimentichiamo quindi che cura della bellezza è in primo luogo cura della propria salute.

Come scegliere i cosmetici naturali

Oggi come oggi l’attenzione alla scelta di cosmetici naturali e bio è sempre più alta. Il perché è abbastanza chiaro: la sensibilità verso il rispetto dell’ambiente e la salute della propria persona è senza dubbio migliorato negli ultimi anni, così che sempre più persone scelgono di acquistare solamente prodotti biologici e naturali, anche a costo di spendere qualcosa di più.

Ci si potrebbe chiedere come scegliere i prodotti e cosmetici naturali, quali siano le differenze più importanti fra questi e quelli industriali, che solitamente hanno un prezzo inferiore, e spesso non sensibilmente.

Ci sono delle significative differenze fra i cosmetici naturali e quelli che non lo sono. I primi sono prodotti rispettando la natura e con ingredienti certificati, che rispettano la pelle e la persona, senza agenti aggressivi e senza prodotti chimici che possono causare allergie, irritazioni della pelle e via dicendo. Ovviamente i cosmetici di questo tipo sono anche più costosi rispetto a quelli industriali, dato che usano ingredienti meno facilmente reperibili, più rari e più costosi come materia prima.

Cerchiamo di vedere quali siano le principali differenza fra i cosmetici bio e naturali e quelli che non lo sono, per avere un’idea chiara della comparazione e poter fare delle scelte consapevoli.

come scegliere cosmetici naturali

La differenza fra i cosmetici naturali e cosmetici bio

Cosmetici naturali e bio non sono la stessa cosa. I cosmetici naturali hanno un INCI quasi del tutto composto da ingredienti vegetali, mentre quelli bio hanno un INCI composto quasi del tutto da agricoltura biologica. Il vero problema della scelta è che la legge non impone una certa percentuali di ingredienti vegetali o da agricoltura bio che debbano essere contenuti nei prodotti affinché questi possano ottenere una certa denominazione. Le case farmaceutiche quindi si regolano in autonomia.

 

L’INCI dei cosmetici naturali e bio

L’INCI, acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, è una lista degli ingredienti che è obbligatorio porre sui cosmetici e sui prodotti estetici. Si tratta di un fattore molto importante da considerare perché ci permette di conoscere con esattezza tutto quello che contiene, e se sia o meno pericoloso per la nostra pelle e per l’ambiente.

Non è sempre semplice da decifrare ma è importante perché è l’unico che può dirci davvero, al di là della pubblicità, cosa si trovi dentro un prodotto.

Cominciamo col dire che i prodotti sono indicati in ordine di quantità: il primo ingrediente è quello presente in maggior quantità, e via dicendo.

Fra gli ingredienti che potete trovare nei cosmetici naturali, ricordiamo l’antiossidante Tocopherol, un antistatico, il Panthenol, e altri ingredienti come per esempio Mica, Titanium Dioxide, Zinc Oxide, Iron Oxide, Ultramarine Blue.

 

Perché usare i cosmetici naturali?

Utilizzare cosmetici naturali comporta moltissimi vantaggi. Per esempio, i cosmetici naturali non sono trattati o sono poco trattati, inoltre non contengono fertilizzanti o prodotti chimici che possano danneggiare la salute. I prodotti naturali non sono contaminati, nella maggior parte dei casi sono prodotti con ingredienti di origine naturale come per esempio semi di frutta, piante, corteccia, vitamine.

I prodotti biologici contengono anche molte più vitamine rispetto a quelli industriali: si stima possano contenere fino al 50% in più di vitamine, di minerali, e di altri nutrienti preziosi per la pelle.

Non essendo tossici, non si corre il rischio di sviluppare allergie o di peggiorare quelle già esistenti, non irritano la pelle (soprattutto i cosmetici che vanno in zone molto delicate del viso, come il mascara, il fondotinta, l’ombretto e via dicendo).

Ma come fare per riconoscere e quindi scegliere un cosmetico naturale? Bisogna fare attenzione perché è una vera e propria giungla di marchi, di pubblicità che spesso confondono le idee e non aiutano a fare una scelta ponderata ed attenta.

Quindi vi diamo qualche consiglio per cercare di muoversi meglio nel bel mezzo di una situazione molto confusionaria, come quella delle certificazioni dei cosmetici biologici e naturali.

Distinguiamo quindi fra:

  • cosmetici biologici certificati. Si tratta di cosmetici che hanno superato delle verifiche sull’origine degli ingredienti, che devono essere biologici, e certificati da un ente che garantisca la loro provenienza.
  • Cosmetici ecologici con estratti vegetali. Non sono certificati bio, ma seguono degli iter di produzione che rispettano l’ambiente.
  • Cosmetici misti. Sono quelli che non garantiscono ingredienti naturali, solitamente sono anche quelli meno costosi.

Gli enti di certificazione a livello europeo sono il Cosmos, standard unico in Europa che prevede due distinti livelli di certificazione, uno per i prodotti bio, uno per i prodotti naturali. In Italia, ad occuparsi della distinzione è l’ICEA. o il CCPB (per i prodotti biologici).

Altri prodotti in Italia sono marchiati con AIAB, che significa che non sono usati OGM.

perche scegliere cosmetici naturali

Scegliere cosmetici naturali: la scelta giusta

I vantaggi dei cosmetici naturali sono indubbiamente davvero molti. Come abbiamo visto, il loro uso comporta delle migliorie dal punto di vista della salute, della pelle e anche del rispetto per l’ambiente. Tuttavia il loro ‘contro’ è che spesso e volentieri sono più costosi rispetto ai prodotti chimici: ovviamente la selezione degli ingredienti e la loro produzione, nonché il confezionamento, come in genere il mantenimento di standard di qualità elevati, comporta dei costi. Dei costi che però si possono facilmente sopportare o abituandosi a fare dei cosmetici fai da te in casa, oppure pensando a tutti i vantaggi per la pelle che una scelta di questo tipo comporta.

Meglio ancora, i prodotti cosmetici eco bio sono quelli pensati nel rispetto sia dell’ambiente che dell’equilibrio naturale della pelle. Si tratta di una scelta di consapevolezza, più che economica. Certamente, è difficile muoversi nella giungla delle indicazioni pubblicitarie che indicano come naturali, ecologici e biologici dei prodotti che poi, alla prova del nove, risultano non esserlo. Il modo migliore quindi per scegliere prodotti naturali rimane quello di imparare a leggere bene l’INCI e le certificazioni dei prodotti. Cercate una lista dei prodotti che non dovrebbero mai trovarsi nell’INCI, e quindi abituatevi a leggere sempre gli ingredienti del cosmetico, diffidando di marchi e pubblicità. Quello che conta, alla fine, sono solamente gli ingredienti. È in gioco la nostra pelle, nonché il benessere della natura.

Come fare cosmetici naturali in casa

I cosmetici naturali sono sempre più in voga negli ultimi tempi. Molte persone, in un’ottica di protezione della propria pelle ma anche della natura, si sono convinte che sia meglio utilizzare dei cosmetici naturali e prodotti biologici.

come fare cosmetici naturali

I cosmetici naturali vengono prodotti soprattutto con ingredienti presi dalla natura, quelli biologici invece sono prodotti con ingredienti coltivati rispettando l’ambiente. In entrambi i casi, spesso si tratta di prodotti costosi, in quanto la loro produzione richiede un dispendio maggiore rispetto ai prodotti industriali.

Per questo una buona idea potrebbe essere quella di imparare come fare i cosmetici naturali in casa.

Non si tratta di nulla di estremamente complicato o difficile, bastano qualche ora libera e gli ingredienti giusti per poter creare dei cosmetici davvero buoni, soprattutto del tutto naturali e non dannosi per l’equilibrio della pelle, e senza spendere troppo. Non occorre neppure esperienza o troppa manualità, basta seguire qualche semplice linea guida che vi proporremo nell’articolo. Scoprite oggi come fare cosmetici naturali in casa, all’insegna del divertimento, del risparmio e della cura della vostra pelle (e dell’ambiente).

L’autoproduzione è innanzitutto un ottimo passatempo, ed inoltre avrete il piacere di usare sulla pelle solamente prodotti del tutto sicuri ed adeguati alle proprie esigenze.

 

Cosmetici fai da te: balsami per labbra e pelle

La prima ricetta di cosmetico da fare in casa, del tutto naturale, che vogliamo proporvi è quella della crema a base del burro di karitè. Come si sa, questo burro è un nutriente eccezionale per la pelle del viso, in quanto favorisce la produzione di collageni, la idrata, la nutre profondamente, ed è conosciuta per il suo effetto anti smagliature.

Per poter creare una crema a base di burro di karatè innanzitutto servono 120 ml di burro di karatè puro, 30 ml di olio vegetale (va bene anche l’olio di oliva se non avete altro in casa) ed infine 20 gocce del vostro olio essenziale preferito per dare tono e profumo alla crema.

Prendete il burro a temperatura ambiente, aggiungere l’olio di oliva e lavoratelo con la forchetta. Quindi frullate assieme i due ingredienti, a massima velocità e per cinque minuti, aggiungete l’olio essenziale e frullate ancora a massima velocità per qualche secondo.

A questo punto la vostra crema idratante e nutriente è pronta da usare. Conservatela in un barattolo di vetro a temperatura ambiente.

cosmetici naturali fatti in casa

Balsamo per capelli all’olio di cocco

Volete sapere una ricetta davvero nutriente e naturale per capelli secchi? Vi insegniamo come si fa un ottimo balsamo per capelli secchi con ingredienti solo dalla natura. Tutto quello che vi serve è un tuorlo d’uovo, quattro piccoli cucchiai d’olio di cocco, un cucchiaio di miele. Sbattete in una ciotola il tuorlo ed aggiungete tutti gli altri ingredienti, mescolandoli finché si ottiene un compito omogeneo. A questo punto stendete il tutto sui capelli. Il balsamo deve rimanere sulla testa per circa venti minuti, quindi risciacquate con acqua tiepida, fate uno shampoo e se avvertite che è rimasto dell’odore sui capelli, sciacquateli con un poco d’acqua mista a un goccio di aceto bianco.

Se il balsamo avanza, lo potete conservare in frigo per massimo due giorni.

Vi lasciamo anche una ricetta di uno shampoo fai da te. Vi servono due cucchiai di farina di ceci, due di aceto, qualche goccia di olio essenziale per profumare, acqua calda quanta ne serve. Emulsionate la farina con l’aceto in una ciotola, quindi aggiungete acqua calda fino ad ottenere un composto omogeneo e l’olio essenziale. Spalmare sui capelli come un qualsiasi shampoo e risciacquare con cura. Questo prodotto del tutto naturale assorbe il grasso, e lascia i capelli puliti. L’aceto li sgrassa e li lucida.

 

Un eye-liner naturale all’olio di cocco

Amate l’eye-liner, non uscite mai di casa senza, ma volete un prodotto del tutto naturale? Vi lasciamo la ricetta per fare l’eye-liner in casa.

Vi servono solamente due cucchiai di olio di cocco, 4 cucchiai di aloe vera in gel, uno o due cucchiai di cacao amaro se lo volete di color marrone o 2 capsule di carbone attivo per quello nero.

Fate sciogliere l’olio di cocco nel pentolino assieme all’aloe vera, aggiungete il carbone vegetale o la polvere di cacao e mescolate per bene. Applicate sugli occhi con un pennellino. Conservatelo in un vasetto, a chiusura ermetica.

 

Una crema per le mani fai da te

Avete sempre le mani secche, sciupate e credete che le creme di bellezza abbiano un costo spropositato? La soluzione per voi è la crema per le mani fai da te. Usate 70 ml d’olio di cocco, 20 gr di cera d’api vergine grattugiata, 20 ml d’olio di jojoba, cinque gocce di limone e di lavanda.

A questo punto lasciate fondere a bagnomaria olio di cocco, la cera d’api e l’olio di jojoba, mescolando con cura. Aggiungete gli oli essenziali, fate raffreddare, e quindi mettete in frigo per farlo solidificare. Si conserva per qualche mese in un luogo asciutto e scuro.

 

Come fare il fondotinta e l’ombretto fai da te

Il fondotinta è uno dei cosmetici più usati ed amati dalle donne. Vuoi scoprire come produrlo in casa risparmiando e con metodi del tutto naturali?

Per il fondotinta in polvere ti basta mescolare un cucchiaio di fecola di maranta con del cacao o della noce moscata. Scegli la quantità di cacao e noce moscata in modo da ottenere un composto della tonalità adatta per la tua pelle. Aggiungi un cucchiaino di olio di jojoba per compattare il tutto ed il tuo fondotinta è pronto.

Se invece vuoi creare un fondotinta in crema, usa crema idratante naturale con due cucchiai di argilla rosa, e aggiungi pigmenti per modificare il colore a seconda del tono della pelle.

Per quanto riguarda invece l’ombretto fai da te, basta sgretolare un po’ di carbone vegetale e creare una polvere finissima. A questo punto non devi fare altro che aggiungere delle gocce di acqua distillata. Se vuoi cambiare colore, usa il cioccolato in polvere (quello amato), zafferano, o semi di papavero in polvere. In questo modo potrai ottenere tutte le sfumature desiderate.

L’Henné che cos’è e le varie tipologie

In questo articolo scopriremo che cos’è l’henné, quali tipologie esistono e l’impatto che ha con i nostri capelli.

henne le varie tipologie

Iniziamo spiegando che cos’è l’henné.

E’ un arbusto che viene usato prevalentemente per tingere i capelli. E’ considerato un vero e proprio colorante naturale, dunque un prodotto cosmetico naturale, poiché non contiene altre sostanze che potrebbero essere aggressive per i capelli.

L’henné si ricava macinando le foglie e i rami di questo arbusto: il colore è giallo-verde.

L’henné, veniva usata già dall’antichità: infatti in Africa e in India veniva già utilizzata per fare tatuaggi temporanei, tingere i tessuti e ovviamente i capelli.

L’henné, essendo una tinta naturale, ha i suoi vantaggi come rendere il capello più liscio e ordinato ed è inoltre adatta a chi ha i capelli grassi poiché svolge un’azione seboregolatore, in più combatte la forfora e la seborrea.

Perciò state tranquille, l’henné non fa male ai capelli può solamente lasciare i capelli leggermente secchi, conseguenza che andrà via già dopo il primo lavaggio.

La cosa fondamentale da guardare e da sapere, qualora foste intenzionate a tingere i vostri capelli con l’henné, è la composizione che non deve essere scadente né arricchita da sostanze aggressive per i capelli come ad esempio i metalli.

Le varie tipologie dell’henné

In erboristeria potete trovare l’henné naturale o quello puro: quest’ultimo non conterrà nessun’altra sostanza ma sarà Lawsonia al 100%. C’è anche l’henné picramoso che contiene dei pigmenti di colore rosso che, in quantità minima, non causano problemi alla chioma.

L’henné naturale presenta una colorazione arancio ed ha bisogno di almeno 3 ore di posa: più sarà il tempo di posa e più i risultati saranno visibili. Può essere applicato sui capelli già tinti senza alcun problema.

L’henné picramoso, invece, ha un tono di colore più intenso e richiede un tempo di posa minore rispetto a quello naturale. Bastano infatti 2 ore per ottenere un buon risultato. Questo tipo di henné, a differenza di quello naturale, non può essere applicato su capelli tinti di recente perché potrebbe rovinarli.

L’henné picramato è un colorante sintetico che potrebbe nuocere ai capelli ovviamente se usato in maniera esagerata.

Il consiglio è quello di usare sempre l’hennè puro e per constatare se sia effettivamente così occorre leggere attentamente l’INCI ovvero le sostanze e gli ingredienti contenuti in un determinato prodotto.

L’henné solitamente accentua i riflessi di chi ha i capelli rossi e non esistono henné per valorizzare capelli biondi o mori.

Esistono varie miscele per preparare l’hennè che va ovviamente eseguito tenendo presente la lunghezza dei capelli.

La preparazione è abbastanza semplice da eseguire si mette la quantità di henné in una ciotolina e si mescola con una sostanza liquida per farla sciogliere per ottenere la consistenza che solitamente ha una tinta.

Potete usare l’acqua, il té, la camomilla e il karcadè: l’aggiunta di yogurt renderà il composto più omogeneo e cremoso.

Ci sono poi vari modi per preparare l’henné: c’è chi aggiunge il succo di limone per idratare capelli rovinati o chi preferisce l’aceto per ottenere un colore più intenso e chi infine aggiunge un cucchiaino di olio di mandorle dolci per avere una chioma morbida e lucida.

Argilla verde: a cosa serve, quale usare e come sceglierla

L’argilla verde è un materiale inorganico composto da minerali essenziali, ossidi di ferro e varie sostanze vegetali come ad esempio le alghe. Viene usata solitamente per fare degli impacchi per contrastare la cellulite ma ultimamente, viene anche usato per la pulizia del viso nonché come composto per risolvere alcuni disturbi come la nausea o diarrea.

argilla verde a cosa serve

L’argilla verde: un vero toccasana per la salute

L’argilla verde è usata anche come rimedio naturale e, come detto prima, può essere usato come soluzione per alleviare le nausee della mattina, la diarrea o indigestione.

Ma la sua azione benefica non finisce qui: l’argilla verde è ottima anche per guarire tagli, graffi, distorsioni e punture di insetto e la si può trovare sotto forma di pillole o come pomata.

Si trovano in commercio preparati già fatti ma si potrà anche preparare il composto in casa, si dovrà agire così: dovrete versare la quantità che occorre di argilla su una ciotola in legno, aggiungere l’acqua in modo che immerga completamente l’argilla e lasciare riposare il composto per almeno 30 o 40 minuti.

Il gioco è fatto: il composto, che dovrà risultare perfettamente liscio, sarà pronto per essere applicato sulla zona interessata.

Argilla verde: ottima come impacco anti cellulite

L’argilla verde viene usata per lo più per contrastare la cellulite: questo composto renderà la pelle ancora più liscia e luminosa già dopo i primi impacchi.

Questo impacco agisce purificando e tonificando la pelle rendendola appunto più elastica.

 

Argilla verde da bere: un carico di energia e benessere

Esiste dell’acqua all’argilla che contiene molti minerali tra cui potassio, zinco, ferro, rame e cobalto, elementi fondamentali per il benessere dell’organismo.

Bevendo questo liquido si riuscirà ad eliminare tossine molto dannose come i radicali liberi.

Per alcune persone l’assunzione di argilla verde può avvenire subito senza nessun tipo di problemi mentre per altri potrebbe essere necessario eliminare il consumo di alimenti nocivi, alcol e fumo.

In campo estetico la maschera di argilla serve per eliminare le tossine e per purificare la pelle e “radere al suolo” la pelle morta.

E’ usata anche per contrastare i problemi derivanti da chi ha la pelle secca: ovviamente si può decidere di andare dall’estetista oppure farsi la maschera in casa. A questo proposito esistono dei composti già preparati oppure composti n polvere da miscelare con l’aloe vera o olio di jojoba per rendere la maschera ancora più efficace.

 argilla verde benefici

Argilla verde ventilata: a cosa serve?

Per scopi terapeutici viene usata molto l’argilla verde ventilata che è molto fine e che perciò riesce a sciogliersi senza difficoltà nell’acqua sprigionando le molteplici azioni benefiche.

Occorre anche ricordare che ci sono altri tipo di argilla come quella bianca, rossa, gialla, bianca , nera e verde: quest’ultima si può dire che è la più competa e usata.

Ma ritorniamo all’argilla verde ventilata: che cosa “cura”?

Viene usata per rendere i capelli più forti e prevenirne la caduta, per rinnovare l’epidermide, per aiutare un intestino pigro, per alleviare dolori di qualunque specie, eliminare i brufoli e per migliorare problemi relativi a vista, olfatto e udito.

Fondotinta bio i prodotti Yves Rocher e Sante Naturkosmetik

Oggi voglio parlarvi del fondotinta bio che si prende cura della pelle usando sostanze vegetali al 100%.

Le marche prese in considerazione questa volta sono la Yves Rocher, molto conosciuta e che ha all’attivo molti punti vendita e la Sante Naturkosmetik, un’azienda tedesca, anch’essa molto nota da chi ama truccarsi sempre bio.

Conosciamo meglio l’azienda e il relativo prodotto che andremo ad esaminare ovvero il fondotinta bio.

fondotinta ecobio

 

La Sante Naturkosmetik è un’azienda, come detto prima, tedesca che produce da sempre cosmetici per il viso e  prodotti make-up rigorosamente usando sostanze bio e naturali: sono prodotti di qualità elevata e che possiedono i vari certificati che lo rendono affidabile: uno di questi è il certificato BDIH.

Quest’azienda, oltre a prodotti per make-up come kajal, matite per le labbra, fondotinta e cipria, produce anche prodotti specifici per capelli come tinte vegetali, shampoo e balsami curativi.

Il fondotinta della Sante Naturkosmetik è costituito da sostanze che rispettano l’ambiente e la pelle di chi li applica.

Il fondotinta in crema Sante, disponibile in vari colori, sarà la base ideale per il vostro trucco grazie alla formulazione composta da pigmenti minerali ed ingredienti vegetali che lo rendono leggero ed estremamente coprente.

Le sostanze contenute in questo prodotto sono gli oli principalmente come quello di jojoba bio ed estratti bio di semi di melograno.

E’ possibile scegliere tra una tonalità chiara e una che da sul beige e che dona alla pelle il classico effetto abbronzato: può essere usato da solo o miscelato con altri fondotinta Sante.

Il prodotto non è testato sugli animali, ed è privo di parabeni, siliconi, petrolati, coloranti sintetici o fragranze sintetiche, OGM: inutile dire che ha un ottimo INCI.

Passiamo ora ad un’altra nota marca che da sempre propone una vasta gamma di cosmetici naturali, la Yves Rocher.

La passione per le sostanze vegetali e naturali al 100% nasce a La Gacilly, in Bretagna.

Il signor Yves Rocher, che ha dato il nome alla marca, era un vero e proprio appassionato di questo mondo: creava i suoi prodotti di bellezza usando le piante nella sua casa inventando così nuovi prodotti che tutt’ora hanno un successo strabiliante.

E’ proprio nel suo villaggio che l’uomo ha creato la sua azienda.

Il signor Yves Rocher grazie alle nozioni di botanica decise di produrre e distribuire i propri prodotti sulla base di sostanze naturale che potessero offrire a tutte le donne un cosmetico innovativo.

Il fondotinta in crema zero defaut, grazie alla sua formulazione setosa, offre una copertura assicurata lasciando la pelle morbida.

La sua cremosità rende il fondotinta ancora più efficace: il prodotto è fatto tramite la selezione di olio di 1000 rose dal potere rigenerante ottenuto a partire da più di 1000 fiori di Rosa Damascena per kg di olio.

Grazie a questa formulazione avrete praticamente due prodotti in uno: il fondotinta e la crema che idraterà la vostra pelle.

Il risultato sarà cute meno secca e protetta tutta la giornata: inoltre il suo profumo alla rosa renderà l’applicazione ancora più piacevole.